Mer. Lug 6th, 2022

Rischio idrogeologico Atri, approvati in giunta i progetti di fattibilità

Rischio idrogeologico Atri, approvati in giunta i progetti di fattibilità
Marzo 17, 2022

Sharing is caring!

Approvati in giunta Progetti di Fattibilità Tecnico e Economica per mitigare rischio idrogeologico a Casoli di Atri, Santa Margherita e via Fonte Canale

 

ATRI Mitigazione del rischio idrogeologico a Casoli di Atri, nel versante Nord dell’abitato; in località Fonte Canale, nei pressi del cimitero di Atri e a Santa Margherita, questi i tre progetti di fattibilità tecnico economica approvati dalla giunta e presentati dal Comune di Atri per rispondere al Bando emanato con Decreto Ministeriale del primo febbraio 2022 riguardante i contributi agli enti locali a copertura della spesa di progettazione definitiva ed esecutiva, relativa a interventi di messa in sicurezza del territorio dal rischio idrogeologico, (previsto dall’articolo 1, commi da 51 a 58, della legge 27 dicembre 2019, n. 160, e successive modifiche ed integrazioni – annualità 2022). Si potevano presentare al massimo tre progetti e l’ente, guidato dal sindaco Piergiorgio Ferretti, ha inserito queste tre zone del territorio per un importo di 2.850.000 euro.

 

In particolare il progetto per Casoli di Atri si è reso necessario intervenire a causa del danneggiamento della viabilità, di zone interessate da dissesto nelle immediate vicinanze della frana, versante nord, e del danneggiamento dell’opera di contenimento che borda il parcheggio nei pressi di Via Pretara, a ridosso del ciglio di un versante soggetto a arretramento e a progressivo peggioramento delle condizioni di dissesto con la presenza di una serie di edifici a rischio a monte dell’area di studio.

Si interverrà con il consolidamento del tratto di versante interessato a ridosso delle abitazioni con paratie, per il ripristino del muro di sostegno, con la realizzazione di un corretto sistema di drenaggio delle acque superficiali e di ruscellamento con la riprofilatura dei canali e adeguamento degli attraversamenti e la posa in opera di briglie e gabbioni. L’ importo complessivo dei lavori, che potranno essere realizzati in 360 giorni, è di 995mila euro.

Nella zona Fonte Canale – a causa del rischio di danneggiamento dell’importante struttura cimiteriale presente dai fenomeni erosivi e dai frequenti smottamenti che hanno valicato proprietà private e si sono riversate su Via Fonte Canale, determinandone l’impraticabilità – si procederà al consolidamento del tratto di versante a ridosso di Via Fonte Canale con paratie da realizzare per il ripristino del contenimento della scarpata che è venuta a mancare, si realizzerà un corretto sistema di drenaggio delle acque superficiali e di ruscellamento, riprofilando i canali e con la posa in opera di briglie e gabbioni. L’importo dell’intervento, da realizzarsi in 360 giorni, è di 995 mila euro.

A Santa Margherita – per via del rischio di danneggiamento dell’importante muro di contenimento che borda la Piazzetta dei caduti, a ridosso del ciglio di un versante soggetto ad arretramento e a progressivo peggioramento delle condizioni di dissesto e per la presenza, poco a valle della viabilità e della Chiesa di Santa Margherita, di un brusco cambiamento di pendenza della scarpata, la cui superficie è stata più volte soggetta a movimenti e crolli, e dalla presenza di una serie di edifici a rischio – si procederà: al consolidamento del tratto di versante interessato a ridosso delle abitazioni mediante paratie, da realizzare per il ripristino del muro di sostegno; alla realizzazione di un corretto sistema di drenaggio delle acque superficiali e di ruscellamento; all’eventuale realizzazione, sul versante, di opere che ne possano ristabilire una configurazione stabile, con la posa in opera di sistemi di protezione corticale del versante. L’importo dell’intervento, da realizzarsi in 360 giorni, è di 995 mila euro.

 

“Abbiamo approvato in giunta questi tre importanti progetti – commentano il sindaco Ferretti e il vice sindaco e assessore ai Lavori Pubblici, Domenico Felicioneche potranno mettere in sicurezza altrettante aree che necessitano di interventi per mitigare il rischio idrogeologico. Abbiamo partecipato così al bando ministeriale finalizzato a erogare contributi agli enti locali a copertura della spesa di progettazione definitiva ed esecutiva, relativa a interventi di messa in sicurezza del territorio dal rischio idrogeologico. Un ringraziamento agli uffici dell’ente per il prezioso lavoro svolto”.