Sab. Mag 28th, 2022

Presidio lavoratori Trigano Van Paglieta: Marcozzi “giunta assente”

Presidio lavoratori Trigano Van Paglieta: Marcozzi “giunta assente"
Maggio 13, 2022

Sharing is caring!

Marcozzi:“giunta assente, porto il caso in consiglio regionale. utilizzare ogni strumento per salvaguardare i lavoratori”

 

CHIETI Il Capogruppo M5S in Regione Abruzzo Sara Marcozzi ha incontrato  le lavoratrici e i lavoratori della Trigano Van di Paglieta al presidio davanti allo stabilimento dell’azienda. “Le richieste che arrivano – sottolinea Marcozzi – sono sacrosante e devono essere ascoltate a tutti i livelli istituzionali. Nonostante il mercato dei Van sia in crescita si rischia di perdere decine e decine di posti di lavoro da qui alle prossime settimane. Il motivo è nella mancanza della base fornita a Trigano Van in esclusiva da Sevel. I rallentamenti nelle forniture, i cui motivi sono ancora poco chiari, ne causano altri a cascata, con migliaia di ordini che rimangono inevasi. Per questo è necessario fare luce in sede istituzionale.

“I lavoratori di Trigano Van e di tutto l’indotto sono le prime vittime di questa situazione inaccettabile. Parliamo di un’azienda che è un punto di riferimento per questo territorio con 409 dipendenti. La cassa integrazione è utilizzata in maniera massiccia, e la scadenza di molti contratti a tempo determinato da qui ai prossimi mesi non può lasciarci indifferente”.

“Il fatto che alla manifestazione non si sia visto nessun esponente della Giunta regionale è grave ed evidenzia una lontananza dei vertici di Regione Abruzzo che in un momento di emergenza non è accettabile. Oggi stesso invierò la richiesta di audizione delle parti sociali in conferenza dei Capigruppo, e in quella sede ribadirò la necessità di un tavolo tecnico per conoscere lo stato delle cose dalle aziende coinvolte e per migliorare la comunicazione tra tutte le parti in causa, che finora sembra molto carente. A fronte di un calo del 30% di Sevel, la Trigano Van fa registrare un meno 70%. Sono numeri che certificano la gravità della situazione, ed è dovere della politica, a partire da Regione Abruzzo, ascoltare tutti e proporre soluzioni”, conclude.