Home POLITICA Vicenda Civeta, Paolucci replica a Febbo e Campitelli
Vicenda Civeta, Paolucci replica a Febbo e Campitelli

Vicenda Civeta, Paolucci replica a Febbo e Campitelli

0
0

Il commissariamento del Civeta, così come degli altri due consorzi rimasti, si rese necessario come atto dovuto in applicazione della legge sull’Agir

CHIETI “In merito alla vicenda del Civeta – afferma il capogruppo del Pd Silvio Paolucci – l’unica cosa da sottolineare è che la Giunta di centrodestra, riunitasi per la prima volta a ben 45 giorni dal voto, non ha avanzato una sola proposta allo stato che eviti l’aumento delle tariffe per i cittadini. Questo è il vero tema. E nella passerella fatta nel Vastese non ha trovato il tempo di fare tappa presso il Civeta , l’attuale vera emergenza. Febbo e Campitelli – aggiunge Paolucci – dovrebbero essere intellettualmente onesti e non fare chiacchiere da bar. Il commissariamento del Civeta, così come degli altri due consorzi rimasti, si rese necessario come atto dovuto in applicazione della legge sull’Agir: riforma voluta dal centrodestra. Così come i componenti dell’attuale Giunta regionale sanno che la Regione ha autorizzato conferimenti extra-consoritili e non extra regionali. E una verifica puntuale agli enti preposti veniva sollecitata con nota del presidente della Regione D’Alfonso del 17 gennaio dello scorso anno. Quanto al ruolo dell’Agir – precisa l’esponente del Pd – la Giunta è a conoscenza che il Presidente dell’Assemblea è l’attuale sindaco de L’Aquila mentre tra i componenti del cda proprio per il Vastese ne fa parte il Sindaco di S. Salvo. Quanto a Febbo ed alla scomparsa del Pd – conclude Paolucci – fossi in lui mi preoccuperei dell’8 per cento di Forza Italia.”