Mar. Ago 16th, 2022

Carenza idrica, l’ordinanza del sindaco Brucchi

Giugno 27, 2017

Sharing is caring!

Si limita l’utilizzo dell’acqua a causa della situazione di emergenza idrica causata dalla siccità

TERAMO La Ruzzo Reti S.p.A. ha invitato i Sindaci ad emanare Ordinanza di divieto di utilizzo dell’acqua per consumi che non siano strettamente potabili. Le difficoltà di approvvigionamento dell’acqua potabile, dovute principalmente alle condizioni climatiche, vengono peraltro aggravate dall’abnorme consumo di acqua spesso oggetto di sprechi e destinata ad usi impropri e diversi da quelli domestici e potabili. Pertanto, allo scopo di avviare una azione sinergica con gli altri enti territoriali tesa a conseguire una riduzione dei consumi di acqua, soprattutto di quelli impropri e degli sprechi, il Sindaco di Teramo ha emanato una Ordinanza che dispone quanto segue:

Fino al 30 settembre 2017, è vietato agli utenti di tipo domestico del servizio idrico integrato di impiegare l’acqua potabile per usi diversi da quelli igienico-sanitari ed alimentari, ed in particolar modo: il lavaggio domestico di veicoli a motore o altri veicoli, mobili o suppellettili; il riempimento di vasche, fontane ornamentali e simili, fatte salve, momentaneamente, le utenze pubbliche; il lavaggio di cortili, piazzali pavimentati e similari.

Ogni infrazione ai divieti della presente ordinanza sarà punita con l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di € 25,00 a un massimo di € 500,00.

Il Sindaco invita inoltre gli utenti di tipo non domestico all’uso accorto e consapevole della risorsa idrica, e tutti i cittadini all’utilizzo di ogni accorgimento finalizzato al risparmio dell’acqua potabile, quali, a titolo esemplificativo: l’utilizzo di lavastoviglie e lavatrici solo a pieno carico; la pronta riparazione di ogni perdita d’acqua anche piccola; la limitazione del flusso di acqua durante le operazioni di igiene quotidiana, preferendo la doccia al bagno in vasca ed evitando di far scorrere l’acqua a getto continuo; l’installazione di dispositivi di risparmio idrico (dispositivi frangigetto sui rubinetti, sciacquoni a ricarica limitata ecc.) e ogni altro accorgimento utile, segnalando che un singolo comportamento virtuoso può moltiplicare i propri effetti e generare un significativo risparmio in termini economici ed ambientali.