Aprile 16, 2024

Elezioni provinciali, Vagnoni “Ho perso. Ma non ho perso la coerenza”

Elezioni provinciali, Vagnoni "Ho perso. Ma non ho perso la coerenza"

Sharing is caring!

Le contrapposizioni, le strategie ed i trasformismi hanno dato, a mio avviso, un’immagine non edificante della classe politica teramana

 

MARTINSICURO La settimana scorsa primo Consiglio Provinciale per il neo Presidente Camillo D’Angelo; a lui e a tutti i consiglieri vanno gli auguri di buon lavoro da parte di tutta la comunità martinsicurese.
“Le sfide da affrontare richiederanno una costante collaborazione tra Presidente, Consiglio provinciale e Sindaci del territorio che dovranno lavorare insieme per dare le migliori risposte ai territori- commenta Massimo Vagnoni-
Durante la campagna elettorale ci siamo contrapposti portando avanti le nostre rispettive idee per una Provincia di Teramo che deve essere protagonista e al centro delle politiche di sviluppo regionali, nazionali e comunitarie .!
Mi sono candidato- continua Vagnoni- “” pur consapevole delle difficoltà di una competizione elettorale di secondo livello, perchè penso che se si crede in un progetto, vale la pena portarlo avanti a prescindere da ogni valutazione di convenienza politica personale che avrebbe potuto indurmi anche a farmi da parte come più volte richiesto.
Ho quindi affrontato, insieme ad alcuni amici veri e disinteressati, che ringrazio di cuore, una campagna elettorale senza piani alternativi perchè credo che chi fa politica debba avere anche il coraggio di prendere posizioni coerenti con i propri ideali e portarle avanti fino in fondo anche al costo di contrapporsi alla propria parte politica .
Perchè la politica non può essere ridotta solo ad una inutile prova di forza tra partiti della stessa coalizione o tra i diversi schieramenti; la politica non può farsi guidare solo da logiche opportunistiche che ti fanno stare da una parte o dall’altra non perchè credi in quel progetto ma solo perchè ti conviene o perché devi fare un dispetto a qualcuno.
Se ogni occasione è buona per cercare accordi fondati su una mera divisione di posizioni e potere allora la politica non serve alla comunità, ma solo a chi la fa .
Le contrapposizioni, le strategie ed i trasformismi che hanno caratterizzato la campagna elettorale per l’elezione del Presidente della Provincia hanno dato, a mio avviso, un’immagine non edificante della classe politica teramana .
Credo che la politica sia qualcosa di più nobile e la mia candidatura nasce ed è stata portata avanti proprio per rimarcare una differenza di metodo sulla gestione dei processi decisionali della cosa pubblica che deve assolutamente cambiare .
Di solito dopo ogni elezione, tutti hanno vinto .
Io no; io ho perso queste elezioni. Ma non ho perso la dignità e, soprattutto, la coerenza delle mie azioni e la voglia di continuare ad impegnarmi, insieme a tanti amministratori che hanno condiviso con me questo percorso, per una politica che abbia l’autorevolezza di guidare i processi decisionali sulla base di logiche che vadano oltre le solite contrapposizioni che da troppo tempo condizionano la gestione politica di diversi partiti e movimenti.
Sicuramente non sarà facile, ma dobbiamo impegnarci tutti, anche facendo tesoro di quanto è successo nella campagna elettorale, per mettere da parte gli inutili e dannosi personalismi ed elevare il livello del dibattito politico nella nostra Provincia .
Nel frattempo sarò al fianco del Presidente e dei consiglieri provinciali per lavorare insieme nell’interesse generale del nostro bellissimo territorio.”

About Author