Gio. Set 29th, 2022

Banca Popolare di Bari, Febbo: stucchevole atteggiamento del centrosinistra 

Febbo: Project financing sentenza che fa giustizia dopo tante battaglie
Giugno 10, 2020

Sharing is caring!

“Recitano una ridicola sceneggiata napoletana per la mia assenza anticipata e giustificata per impegni istituzionali, durante l’ultimo consiglio regionale”

 

 

PESCARA “Sulla situazione in cui versa la Banca Popolare di Bari il Partito Democratico ed il centrosinistra dimostrano per l’ennesima volta la propria immaturità e la loro incapacità di fondare la propria attività di opposizione attraverso proposte serie. Purtroppo anche questa volta, come un disco rotto, recitano solo una ridicola sceneggiata napoletana per la mia assenza, tra l’altra anticipata e giustificata per impegni istituzionali, durante l’ultimo consiglio regionale”. Questa la replica dell’assessore regionale alle Attività Produttive Mauro Febbo che rispedisce al mittente le accuse di Paolucci, Pepe e Mariani e sottolinea  come “peraltro bastava prendere informazioni direttamente dal sindaco di Teramo e presidente dell’Anci Gianguido D’Alberto, con cui mi ero interfacciato anche attraverso una specifica missiva il 28 maggio scorso proprio per lamentare la ingiustificata ed inqualicabile mancanza di risposta da parte dei Commissari Straordinari della Banca Popolare di Bari dopo i miei ripetuti solleciti scritti ad avere un incontro con loro. Infatti sono ben consapevole come la bozza di Piano di Efficientamento e riorganizzazione presentata dai Commissari risulta essere alquanto penalizzante per la rete bancaria e produttiva della nostra Regione. Quindi invito i consiglieri regionali di opposizione a lavorare seriamente impegnandosi nel cercare di trovare soluzioni casomai coinvolgendo la loro parte politica oggi al Governo centrale visto l’intervento economico che lo stesso ha messo in campo in questi giorni. D’altronde lo abbiamo già visto nel recente passato laddove l’allora sottosegretario Legnini plaudiva  al “salvataggio” Tercas a favore della BpBari e poi assistere alla concessione del servizio di Tesoreria del Csm, sempre allo stesso Istituto Pugliese, tramite una offerta molto “discussa”. Per quanto mi riguarda – conclude Febbo – la Regione continuerà a svolgere il proprio ruolo e dovere di attenzionare la problematica legata alla Banca Popolare di Bari evitando e scongiurando la chiusura delle loro filiali sul nostro territorio”.