Ven. Set 30th, 2022

Ricostruzione L’Aquila, Lolli presenta il progetto “Fare Centro”

Aprile 26, 2017

Sharing is caring!

Le attività economiche che torneranno al centro dell’Aquila saranno aiutate con un contributo pubblico dalla Regione

L’AQUILA Artigiani, commercianti, piccoli imprenditori, ambulanti a stallo fisso e studi professionali potranno tornare a insediarsi nel cuore dell’Aquila e degli altri centri colpiti dal sisma del 2009, potendo contare su un contributo pubblico. A spiegare come e perché attraverso il progetto “Fare Centro” il vice presidente della Regione, Giovanni Lolli. Si tratta di strumento normativo con il quale la Regione Abruzzo intende concedere sussidi economici a fondo perduto a beneficio di quelle attività economiche che sceglieranno di ricollocarsi nel centro dell’Aquila e degli altri comuni del cosiddetto “cratere sismico”. Il bando, che nei prossimi giorni sarà pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo, prevede una dotazione finanziaria complessiva per il biennio 2017-2018, pari a 12 milioni di euro così ripartiti: 5 milioni per l’annualità 2017 e 7 milioni per l’annualità 2018; sono previsti contributi compresi tra il 50 e il 70%, al netto dell’Iva – sempre secondo i principi fissati dal regime del “de minimis” – a beneficio di imprese che effettueranno investimenti in beni immateriali e materiali. Secondo una stima fatta dallo stesso Lolli, confortato alle associazioni di categoria, sarebbero circa 500 le imprese che potrebbero beneficiare del finanziamento, con la conseguenza di generare una opportunità di lavoro per circa 1500 persone. Il vice presidente della Regione ha spiegato che il decreto legge n. 78 del 2015, che destina il 4 per cento delle risorse destinate alla ricostruzione nel quinquennio 2016 del 2020 (circa 220 milioni di euro) ad iniziative di sviluppo economico nel cratere sismico, si articola in 6 priorità di intervento.