Lun. Lug 4th, 2022

“Flora la pazza” il terzo romanzo di Roberta Andres

Luglio 25, 2017

Sharing is caring!

Il romanzo della autrice pescarese è stato pubblicato il 20 Luglio da Edizioni Amarganta 

PESCARA È stato pubblicato giovedì 20 luglio il terzo romanzo dell’Autrice pescarese Roberta Andres, dal titolo “Flora la pazza”, per le Edizioni Amarganta di Rieti. Attualmente in vendita su Amazon in formato cartaceo e in pre-order per l’ebook, sarà disponibile anche in digitale a partire dal 20 agosto.

Questa la trama: Flora vive a Napoli, ha quarant’anni e da sempre ha problemi psicologici dovuti ad una madre manipolatrice e un padre assente. In una Napoli degli anni Duemila che mostra ancora tracce della Seconda Guerra mondiale, intreccia una relazione asimmetrica con Nino, che nel suo lavoro di chef e nell’usare la donna secondo il suo piacere trova un riscatto ai problemi di balbuzie e e di scarsa autostima. La storia con lui porta Flora all’acuirsi dei suoi disturbi: tormentata sempre più spesso da una Voce che la spinge a comportamenti autolesionisti e aggressivi,   ferisce Nino e viene ricoverata in un ospedale psichiatrico. Qui Flora troverà la via per la guarigione, liberandosi dalla Voce, dai condizionamenti materni e dall’amore malato per Nino, in un percorso accidentato e faticoso ma vincente, che scioglierà i nodi del passato: l’adolescenza di Flora negli anni Settanta, quando l’abbandono del padre la lascia “ostaggio” della madre; i traumi della guerra che hanno segnato la madre per sempre e l’hanno resa egoista e instabile.

Il romanzo, di genere narrativo con ampie digressioni storiche nelle Quattro giornate di Napoli, è il terzo della scrittice pescarese che ha già pubblicato con EEE di Torino (Le foto di Tiffany”) e, a marzo scorso, “Perfetto blu” con Rizzoli.

Roberta Andres vive a Pescara; insegna Italiano nella Scuola secondaria e Scrittura creativa presso l’università “D’Annunzio” a Chieti (2009-2016). Dal 2007 tiene gruppi di scrittura creativa per l’Associazione Artis di Pescara; ha partecipato come relatrice a svariati Convegni sui temi della violenza di genere (congresso Sil, Bari 2007) e della scrittura autobiografica e terapeutica (Artelieu, Pescara 2009; Ewwa, Fermo 2016). Socia Ewwa (European Women Writers Association) dal 2014.

Ha iniziato a pubblicare raccolte di racconti per Bonacci (“Due estati a Siena” e “Margherita e gli altri”, Roma 1999). Ha vinto alcuni concorsi di narrativa, partecipato a varie antologie e in particolare ad “Eva non è sola”, progetto per la raccolta di fondi contro la violenza di genere,   presentato in varie manifestazioni e in alcune scuole lo scorso inverno. Dal 2015 pubblica romanzi.