Mar. Lug 5th, 2022

Inchiesta ricostruzione L’Aquila, interrogato a Bari l’imprenditore Giustino

Luglio 28, 2017

Sharing is caring!

Giustino si è avvalso della facoltà di non rispondere, precisando che nell’intercettazione telefonica non rideva del terremoto ma parlava d’altro 

L’AQUILA Proseguono gli interrogatori per l’inchiesta sulle tangenti per la ricostruzione dell’Aquila, che lo scorso 19 Luglio ha portato all’arresto di 10 persone. Davanti al giudice, interrogato a Bari per rogatoria, l’imprenditore di Altamura Vito Giuseppe Giustino che ha detto: “Non ho mai riso del terremoto. In quella telefonata parlavo di altro”. Giustino si trova agli arresti domiciliare con l’accusa di turbativa d’asta per l’appalto per i lavori di ricostruzione del teatro comunale dell’Aquila. L’accusato si è avvalso della facoltà di non rispondere, precisando solo che non ha mai riso del terremoto, in relazione ad un’intercettazione telefonica nella quale l’imprenditore avrebbe riso al pensiero dei nuovi appalti dopo il terremoto dell’Italia centrale del 2016.