Gio. Dic 1st, 2022

Punto nascita Sulmona, Febbo: “Paolucci e Gerosolimo non hanno letto la delibera 79

Punto nascita Sulmona, Verì "Falso parlare di disinteresse"
Agosto 12, 2017

Sharing is caring!

Nella DGR si legge come si prevede per il Presidio Ospedaliero di Sulmona l’Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia ma la sua esistenza non garantisce la presenza del Punto Nascita per il quale, tra l’altro, a pag. 50 dell’allegato alla stessa delibera, viene confermata la chiusura

PESCARA  “Leggendo le affermazioni degli assessori regionali Paolucci e Gerosolimo devo desumere che non hanno letto approfonditamente le delibera numero 79/2016 altrimenti non avrebbero rilasciato alcuni concetti visto che il sottoscritto non vuole lanciare nessun allarmismo ma solo attenermi a ciò che leggo negli atti approvati e deliberati da questo Governo regionale di cui i due assessori fanno parte”. Questa la replica del Presidente della Commissione vigilanza e consigliere regionale Mauro Febbo.

Infatti – spiega Febbo – nella DGR si legge come si prevede per il Presidio Ospedaliero di Sulmona l’Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia ma la sua esistenza non garantisce la presenza del Punto Nascita per il quale, tra l’altro, a pag. 50 dell’allegato alla stessa delibera, viene confermata la chiusura nell’ultimo capoverso dove si legge testualmente che ‘con DCA n. 92/2015 è demandata ai Direttori Generali delle ASL l’adozione dei provvedimenti connessi alla riorganizzazione dei Punti Nascita, in conformità ai contenuti di cui al documento tecnico allegato al DCA n. 10/2015, che procede alla razionalizzazione dei punti nascita da 12 a 8. Le ASL riordinano le attività di ginecologia e di pediatria, come conseguenza della disattivazione dei punti nascita precedentemente operativi, ai fine di garantire, tra l’altro, secondo le strategie definite in autonomia delle aziende, l’efficace utilizzo delle risorse umane e tecnologiche rese disponibili. Quindi devo dedurre che la razionalizzazione dei Punti Nascita da 12 a 8 comporta la chiusura di quelli di Ortona, Penne, Atri e Sulmona. Pertanto – conclude Febbo – mi aspetto che Paolucci e Gerossolimo spiegano ai cittadini delle aree interne e agli abruzzesi il significato ed il contenuto di atti che questa maggioranza di Governo regionale ha consapevolmente approvato e deliberato”.