Gio. Feb 2nd, 2023

Lavori giunta regionale, Febbo: “Una maggioranza senza anima e allo sbando più totale”

Settembre 22, 2017

Sharing is caring!

“Mi sarei aspettato inoltre una proposta costruttiva e fattiva per rispondere ai territori montani colpiti come una rimodulazione del Programma di Sviluppo Rurale con specifiche misure di prevenzione”

L’AQUILA  “La maggioranza di centrosinistra si è presentata ieri in Consiglio regionale, dopo due mesi di sosta, nella forma peggiore senza né un’idea  né risposta esaustiva e responsabile alle gravi problematiche che hanno investito l’Abruzzo quest’estate come la siccità e gli incendi”.

Questo il commento del consigliere regionale di Forza Italia a margine dei lavori. Mi sarei aspettato – spiega Febbo – che oggi il presidente D’Alfonso aprisse i lavori del Consiglio regionale con un dibattito serio illustrando all’intera assise, quindi a tutti gli abruzzesi, lo stato dell’arte e le azioni messe in campo dalla Regione Abruzzo per rispondere alle emergenze estive.

Addirittura alla mia interpellanza, discussa non per prima, hanno risposto ben due assessori (Mazzocca e Pepe) e il terzo (Di Matteo) addirittura è intervenuto in aula rivendicando e chiedendo chiarimenti come sarebbe stato più opportuno un suo intervento visto la sua delega alla montagna.

Una maggioranza senza anima e allo sbando più totale. Mi sarei aspettato inoltre una proposta costruttiva e fattiva per rispondere ai territori montani colpiti come una rimodulazione del Programma di Sviluppo Rurale con specifiche misure di prevenzione e cura dei boschi e delle foreste. Invece nulla di tutto questo.

Il Presidente D’Alfonso è intervenuto con il solito panegirico senza concretezza dove abilmente ha spostato l’attenzione su altri argomenti senza dare una sola risposta alle problematiche dei sindaci e degli abruzzesi. Infine – conclude Febbo – anche oggi il Consiglio è andato avanti con pochi argomenti zero leggi e le solite interpellanze senza onorare gli impegni presi prima della pausa estiva come i finanziamenti alle Istituzioni culturali, risposte al comparto  zootecnico e ai lavoratori del Ciapi. Anche oggi l’ennesimo consiglio regionale infruttuoso per la Regione Abruzzo”.