Lun. Lug 4th, 2022

61 anni dopo, la commemorazione della vittime di Marcinelle

Agosto 3, 2017

Sharing is caring!

Da Manoppello una delegazione guidata dal sindaco arriverà al Bois du Cazier per commemorare i 23 minatori morti nella strage

MANOPPELLO (PESCARA) Sono passati 61 anni da quando al Bois du Cazier, la miniera di carbone a Charleroi, un incendio sotterraneo, dovuto molto probabilmente a disattenzione umana, portò alla morte 262 minatori che, come ogni mattina, erano scesi in pozzi profondi più di un chilometro a guadagnarsi il pane lontano da casa.

Nell’anniversario della strage, Manoppello, paese che più di tutti ha pagato il tributo di sangue in minatori, si appresta a ricordare le 23 vittime dei 60 minatori abruzzesi che poi trovarono la morte nella miniera in fiamme. Le altre vittime abruzzesi erano di Lettomanoppello, Farindola e Turrivalignani.

In occasione del 61° anniversario, una delegazione, guidata dal Sindaco Giorgio De Luca, arriverà al Bois du Cazier per commemorare le vittime ed inaugurare la mostra “Cuore Amaro” dell’Associazione locale “Manoppello per non dimenticare”, finanziata e patrocinata dal Comune: la tragedia di Marcinelle raccontata da quotidiani, settimanali e riviste dell’epoca.

Nel Comune di Manoppello, nel corso del pomeriggio di martedì 8 agosto, alla presenza del Vice sindaco, Melania Palmisano, si terrà la commemorazione dei defunti presso il cimitero di Manoppello, con deposizione della corona in Piazza “Caduti di Marcinelle” e Santa Messa nella Chiesa di San Nicola, in Corso Santarelli.

Successivamente, alle ore 18.30, presso la sala Val.Si.Mi., sarà inaugurata la mostra fotografica “Il bosco dei ricordi: l’altra Marcinelle” del fotografo Max Pelagatti. La mostra, donata al Comune di Manoppello dalla Fondazione Pescarabruzzo, rappresenta la volontà di conservare la memoria della tragedia di Marcinelle e trasmettere un messaggio che parli di vita e non solo di morte.