Mer. Ott 5th, 2022

Nuova procedura per le trasfusioni all’ospedale di Avezzano

Ospedale Avezzano, Fedele: "la situazione continua ad aggravarsi"
Giugno 27, 2017

Sharing is caring!

L’obiettivo di questa nuova procedura, che si estenderà in tutte le al abruzzesi, è quella di ridurre le trasfusioni e rendere meno invasivo l’intervento per il paziente

L’AQUILA All’ospedale di Avezzano è stata attivata una nuova procedura per ridurre le trasfusioni e rendere meno invasivo un’intervento sul paziente. Questa nuova procedura sarà adottata in tutti i presidi della Asl 1 Abruzzo e si chiama Pbm (patient blood management). Le nuove modalità di gestione del sangue si attiveranno dapprima nel reparto di ortopedia e prevedono la collaborazione tra più parti, dal centro trasfusionale ai reparti. Il processo viene spiegato dal dottor Dell’Orso: “Prima di effettuare interventi chirurgici programmati si fa in modo di portare a livelli il più possibile elevati i valori dell’emoglobina del paziente. Ciò consente di abbassare il rischio di trasfusioni, spesso necessarie a causa della perdita di sangue durante l’operazione chirurgica, e di contenere le sofferenze del malato, evitando al contempo complicanze. Va ricordato infatti che la trasfusione è un piccolo trapianto poichè nell’organismo viene immesso sangue di altri soggetti, provocando reazioni di rigetto. L’altro obiettivo importante e’ risparmiare del sangue, le cui scorte annuali bastano a malapena a coprire il fabbisogno”.