Gio. Feb 2nd, 2023

Agricoltura: 50 milioni per la nuova rete irrigua del Fucino

Luglio 22, 2017

Sharing is caring!

Cinquanta milioni di euro finanziati attraverso il Masterplan Abruzzo per costruire la nuova rete irrigua del Fucino e contrastare così la siccità.

PESCARA Il progetto è stato presentato dal presidente della Giunta regionale, Luciano D’Alfonso, ai sindaci dei centri del fucino, portatori interesse (associazioni di agricoltori), rappresentanti del Consorzio acquedottistico Marsicano, Arap e del Consorzio di Bonifica Ovest-Bacino Liri-Garigliano. Nel corso della riunione, che si è svolta oggi a Pescara nella sede della Regione Abruzzo e alla quale hanno preso parte anche il presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio e i consiglieri regionali Lorenzo Berardinetti (presidente della Commissione agricoltura) e Maurizio Di Nicola (presidente della Commissione bilancio), sono stati affrontati altri temi riguardanti, in particolare, la costruzione di nuovi impianti di depurazione nella marsica, oltre a quelli già previsti e appaltati nei mesi scorsi, e il dragaggio dei canali che attraversano la piana del Fucino. “Per la prima volta – ha esordito il presidente Luciano D’Alfonso – abbiamo individuato risorse economiche certe e disponibili, per realizzare gli impianti irrigui intubati nella piana del Fucino dopo anni di convegni e promesse. Ciò premesso, sono pronto a individuare altre risorse aggiuntive, pari a 20 milioni di euro, per ampliare il quadro economico dell’investimento. A settembre – informa D’Alfonso – il progetto sarà cantierabile e idoneo per avanzare le richieste di autorizzazioni e pareri agli enti competenti al fine di percorrere velocemente il tragitto amministrativo e giungere, il prima possibile, all’appalto definitivo dell’opera. Appena che il progetto sarà pronto – conclude D’Alfonso – organizzeremo un incontro pubblico dove inviteremo i Ministri Martina (agricoltura) e De Vincenti (Mezzogiorno) poiché si tratta di un’opera pubblica straordinaria e importante per la Marsica, mirata a non fermare l’economia agricola del Fucino”. La rete irrigua intubata (circa 150 km) servirà a trasportare acqua su un’area che ha una estensione complessiva di 12 mila ettari.