Lun. Lug 4th, 2022

Sit-in lavoratori delle cooperative per il mancato rinnovo dei contratti da 49 mesi

SONY DSC

Giugno 20, 2017

Sharing is caring!

Piccinno di Fisascat Cisl Abruzzo-Molise: “le aziende vogliono precarizzare i lavoratori perché è poi più facile avere un lavoratore precario che non uno garantito”

PESCARA I lavoratori delle cooperative che forniscono servizi di mensa e pulizia in ospedali, case circondariali, scuole e uffici pubblici stanno protestando questa mattina davanti al Cup dell’ospedale di Pescara. Leonardo Piccinno della Fisascat Cisl Abruzzo-Molise, ha detto: “Parliamo di lavoratori che attendono il rinnovo dei contratti da 49 mesi ma il problema non è tanto il rinnovo con un aumento salariale, quanto la riconferma dei diritti dei lavoratori e la loro tutela perché le aziende che hanno gli appalti, con la scusa di dover risparmiare cercano di abbassare le tutele. Per esempio c’è l’obbligo per quanto riguarda il sistema degli appalti di riassumere il personale che lavora nell’ambito dell’appalto, e le aziende non vogliono più questo, ma precarizzare i lavoratori perché è poi più facile avere un lavoratore precario che non uno garantito. La verità è che il servizio pubblico paga contratti salati alle imprese e le imprese risparmiano sulla pelle dei lavoratori e dei cittadini”.