Ven. Set 30th, 2022

Incendio fabbrica Richetti, questa mattina lo smantellamento della struttura crollata

Giugno 28, 2017

Sharing is caring!

Il sindaco Brucchi monitora la situazione e garantisce la salvaguardia dei posti di lavoro

TERAMO Dopo l’incendio della notte di lunedì alla Richetti spa, questa mattina un comando speciale dell’Aquila, con una cesoia idraulica sta provvedendo alla rimozione della struttura crollata per poter spegnere i focolai ancora attivi nella struttura. A seguito del tavolo tecnico riunitosi ieri mattina tra i sindaci di Teramo, Castellalto, Mosciano e Bellante, i Carabinieri, i Vigili del Fuoco, ARTA, ASL e SIAN; il sindaco di Teramo Maurizio Brucchi ha detto: “Dopo il terremoto, la neve, l’emergenza elettrica, l’emergenza idrica, è arrivato anche il fuoco con un incendio che nella notte ha devastato una delle aziende più importanti del nostro territorio: la Richetti spa, che dà lavoro a 250 dipendenti. L’incendio ha distrutto il 60% dell’azienda coinvolgendo quasi tutta la catena produttiva.  Sono salvi solo prodotti finiti per un importo di circa 700.000 euro. Ho seguito per tutta la notte e la mattinata la difficile situazione. Si è lavorato per mettere in sicurezza l’azienda grazie al lavoro dei Vigili del Fuoco, venuti da tutta la regione. Ora sarà monitorata la qualità dell’aria grazie all’Arta e delle colture grazie alla ASL e, a titolo preventivo, ho firmato una specifica Ordinanza. Contestualmente ed immediatamente mi sono interessato della situazione occupazionale ed ho avuto garanzie per i posti di lavoro, che saranno salvaguardati intanto con cassa integrazione per qualche mese per i dipendenti a tempo indeterminato, con il contestuale riassorbimento degli interinali nelle catene funzionanti della stessa azienda Richetti”.