Maggio 19, 2024

Superbonus regionale, la legge m5s dà la spinta economica “in green”

Superbonus regionale, la legge m5s dà la spinta economica “in green”

Sharing is caring!

Taglieri (m5s) “nel centrodestra smettano di farsi la guerra tra loro e si inizi subito a lavorare per l’approvazione del testo”

 

PESCARA “E’ necessario che sull’aiuto alle imprese si proceda velocemente. Oggi, per passare dalle parole ai fatti, che poi sono quelli che interessano le imprese, chiediamo che l’iter di approvazione del testo di Legge sia avviato il prima possibile dal Consiglio regionale, così da arrivare finalmente allo sblocco dei crediti in Abruzzo. I partiti di centrodestra smettano, quindi, di farsi sgambetti presentando leggi e documenti in serie, e pensino a lavorare per il bene delle imprese e dei lavoratori.

Questo rincorrersi all’interno della maggioranza tra Fratelli D’Italia, Lega e Forza Italia, oltre a essere squalificante, sta producendo un’impasse normativo che, visto il regolamento di Regione Abruzzo, potrebbe addirittura allungare i tempi di approvazione della norma tanto attesa. Questo è inaccettabile”. A dirlo è il Capogruppo del M5S Francesco Taglieri, che continua “La legge recante “Misure per favorire la circolazione di crediti fiscali relativi al miglioramento dell’efficienza energetica e la riduzione del rischio sismico degli edifici”, sul tavolo del Consiglio regionale c’era già il 7 febbraio. E’ stata protocollata dal sottoscritto, in continuità con un’azione corale che il M5S sta attuando in tutte le regioni italiane dove ci sono rappresentanti del M5S nelle istituzioni.  Pertanto già dall’8 febbraio il Consiglio regionale avrebbe potuto calendarizzare i lavori e iniziare l’iter di approvazione. Ma tutto è rimasto fermo. Forse in attesa che gli annunci del Presidente del Consiglio regionale Sospiri, su una non precisata legge per il Superbonus regionale, si traducessero in un documento protocollato. Documento che però fino al 7 febbraio non sembrava esserci negli elenchi di Regione Abruzzo. Nel frattempo, gli Assessori Campitelli e Quaglieri, rispettivamente Lega e Fratelli D’Italia, probabilmente al fine di non lasciare l’iniziativa di maggioranza a Lorenzo Sospiri, e quindi a Forza Italia, si sono affrettati ad approvare, il 12 febbraio, una Delibera di Giunta. Il Documento della Giunta per la sua formulazione dovrà essere convertito in legge e calendarizzato all’interno delle commissioni.

Il risultato di questo “pasticcio”, generato probabilmente dal mero tentativo di mettere la firma sull’iniziativa che porta in tutta Italia il nome del M5S, è che il centrodestra in Abruzzo ha presentato una Proposta di Legge e una Delibera di Giunta, slegate tra loro, e che ripetono goffamente i contenuti della nostra Proposta. Tutto ciò farebbe sorridere se non si traducesse in un inutile allungamento dei lavori delle Commissioni per arrivare a un testo unico, visto il regolamento di Regione Abruzzo sull’accorpamento delle Proposte di legge recanti lo stesso tema.

Eppure non c’è un secondo da perdere: le imprese sono in ginocchio e il Governo Meloni sta smantellando il Superbonus senza fare nulla per lo sblocco dei crediti, dimostrando una visione miope e potenzialmente dannosa per il Paese.

In Italia il Superbonus ha dato una spinta importante al settore edilizio. Anche in Abruzzo i dati parlano chiaro: nella nostra regione si contano 10.080 asseverazioni, per un investimento complessivo di poco più di 2 miliardi di euro, che rappresentano un contributo molto importante alla crescita economica. Secondo i dati diffusi da ENEA, da quando il bonus è stato introdotto, in Abruzzo gli investimenti ammessi in detrazione, al 31 dicembre 2022, hanno raggiunto la cifra di 1,499 miliardi di euro, con il 70,4% dei lavori realizzati. La norma introdotta dal M5s durante i Governi Conte ha rappresentato, quindi, quello slancio che il comparto dell’edilizia aspettava da tempo.

Ma anche davanti all’oggettivo valore di questa norma il centrodestra continua a sbagliare.

Una cosa deve essere chiara – incalza il Capogruppo del M5S – non permetteremo che il centrodestra con una mano, a Roma, massacri il Superbonus e con l’altra, in Abruzzo, provi a metterci una pezza depositando documenti spot e trasformando l’utile strumento del Superbonus in “Superpropaganda”.

 Il M5S vuole iniziare a lavorare da subito per lo sblocco dei crediti e dare così una mano alle imprese in difficoltà, il centrodestra faccia pace con se stesso e si dia una mossa!”.

About Author