Gio. Ago 18th, 2022

Aggressione a Lanciano, Febbo: “Soccorsi negati. Grave episodio di malasanità”

Arretramento statale 16 Vasto-San Salvo, Febbo: difenderemo le ragioni delle comunità
Settembre 24, 2018

Sharing is caring!

“Se nella periferia di Lanciano dopo oltre 20 minuti non arriva l’ambulanza a prestare i dovuti soccorsi, non oso immaginare cosa possa verificarsi nelle zone interne e più isolate”

LANCIANO “Quanto accaduto la scorsa notte all’amico Carlo Martelli e alla sua famiglia è la dimostrazione dello stato di insicurezza in cui oggi viviamo, ma l’avvenuta mancanza di soccorso, purtroppo, testimonia l’inefficienza e l’inefficacia della programmazione e della gestione delle urgenze del sistema sanitario territoriale, ahimè inesistente”. Questo il commento di Mauro Febbo, Presidente della Commissione di Vigilanza della Regione Abruzzo.

“Se nella periferia di Lanciano dopo oltre 20 minuti non arriva l’ambulanza a prestare i dovuti soccorsi, non oso immaginare cosa possa verificarsi nelle zone interne e più isolate. Questo triste episodio – prosegue Mauro Febbo –  è la manifestazione di quanto il Ministero della Salute ha certificato nel tavolo di monitoraggio del 26 luglio scorso, ovvero la sanità abruzzese ed in particolare la Asl Lanciano – Chieti – Vasto vivono in uno stato comatoso, fatto di non programmazione e indebitamento. La deriva è vicina. È necessario un immediato ricambio per invertire la rotta”.

“All’amico Carlo Martelli e alla sua famiglia – conclude Febbo – esprimo la mia vicinanza e porgo gli auguri di una pronta guarigione”.