Giugno 15, 2024

Tortoreto, Azione: “Si coinvolgano i cittadini nel dibattito sulle scuole”

Tortoreto, Azione: “Si coinvolgano i cittadini nel dibattito sulle scuole"

Sharing is caring!

Le sollecitazioni poste e riproposte dal capogruppo D’Amelio all’amministrazione comunale sulle scuole a Tortoreto cadono nuovamente nel vuoto.

TORTORETO Il capogruppo Libera D’Amelio presenta una domanda di attualità al consiglio comunale del 30 aprile chiedendo specificamente di sapere “se, dove, come e quando verranno realizzate le nuove e tanto attese strutture scolastiche”, sollecitando la maggioranza anche a valutare la necessità di “convocare un consiglio comunale ad hoc con la presenza di tutti i cittadini”.

La posizione dell’amministrazione sulla puntuale richiesta formulata dalla D’Amelio si è tradotta in un roboante esercizio dialettico di ipotesi di idee che si vorrebbe far scendere in campo senza mai, e si ripete mai, fare chiarezza sulle due puntuali richieste avanzate.

Il vaso è colmo”, dichiara la D’Amelio, “i progetti di idee o i bandi di architettura citati dall’amministrazione e presentati come la più grande e strabiliante loro operosità da intendersi quale unica risposta possibile, appare un tentativo inoperoso per non di non dire la realtà dei fatti: e cioè che per le “scuole” Piccioni e i suoi stanno ancora all’anno zero”.

E prosegue, “Ora basta. I nostri figli hanno bisogno di un luogo che sappia accogliere e magnificare le loro inclinazioni naturali allo studio e ciò in linea con una programmazione scolastica che oggi si vuole più inclusiva e varia, vedasi metodo DADA ottimamente recepito dai nostri studenti. Una scuola che curi gli aspetti della socialità e della sperimentazione formativa che è anche accrescimento umano”.

Chiosa il capogruppo “Tutto ciò è pure utopia allo stato. Preoccupa non poco il futuro dei nostri ragazzi”.

Conclude la D’Amelio “Chiediamo nuovamente che si convochi un consiglio comunale ad hoc con la partecipazione tutta della cittadinanza e si discuta di scuole”.

Come minoranza ne facciamo una battaglia di civiltà.

About Author