Sab. Mag 8th, 2021

La festa della Polizia di Stato non sarà un festa per tutti

Dopo la chiusura di diversi Uffici della Polizia in Abruzzo parla il segretario provinciale del Coisp

L’AQUILA “Oggi è la nostra Festa e con rinnovato e sempre ardente orgoglio facciamo gli auguri a noi stessi ed a tutti i colleghi di L’Aquila, Avezzano e Sulmona in questo che è stato un anno di tanti successi importanti, ma anche di nuove enormi problematiche con cui siamo stati chiamati a confrontarci”. Queste le parole di Santino Li Calzi, segretario provinciale del Coisp (coordinamento per l’indipendenza sindacale delle Forze di Polizia), che prosegue “il rispetto verso l’Istituzione di cui facciamo parte e la fiducia che riponiamo nell’attuale Questore Maiorano, che sin dal suo recente insediamento ha aperto un canale di dialogo con le organizzazioni sindacali ci hanno indotto a partecipare all’odierna cerimonia del 165esimo anniversario della Polizia di Stato anche se lo facciamo con con il lutto nel cuore in quanto non si può festeggiare quando si spengono le luci di oltre 30 Uffici di Polizia tra Stradale e Polizia Ferroviaria tra cui la Polfer di Sulmona, ma anche gli Uffici di Polizia Stradale di Vasto, Ortona e Penne che il Capo della Polizia Prefetto Gabrielli ha deciso di chiudere. Il Coisp ritiene che il provvedimento che il Capo della Polizia ha firmato lo scorso 31 marzo (alla vigilia di quel primo aprile che ha visto nascere la Polizia nell’attuale veste di “corpo civile militarmente organizzato” per garantire la tutela dello Stato e dei suoi cittadini) non rispecchi lo slogan della Festa della Polizia di quest’anno “esserci sempre” in quanto i cittadini della Valle Peligna non troveranno più la Polizia di Stato presso la Stazione Ferroviaria di Sulmona. Quell’esserci sempre, tanto sbandierato, in alcune parti del nostro territorio – conclude il segretario – non potrà essere garantito ed è per questo che la festa di oggi non potrà essere di tutti.” 

Please follow and like us: