Mer. Dic 7th, 2022

Attivisti manifestano a L’Aquila per sicurezza scuole

Regione, ok legge “Pepe–Imprudente” sui Consorzi di Bonifica abruzzesi
Maggio 7, 2017

Sharing is caring!

Associazioni aquilane e teramano presentano un documento con interventi che non si possono più rimandare

L’AQUILA Mobilitazione di associazioni aquilane e teramane che hanno manifestato all’Aquila, davanti al palazzo dell’Emiciclo, richiedendo interventi che non possono più essere rimandati. Il cartello presentato dalle associazioni riportava: “Viviamo in una regione che cade a pezzi, letteralmente. A 8 anni dal terremoto dell’Aquila molte delle scuole e degli edifici pubblici non sono sicuri. A questo si sono aggiunte decine di scuole in tutto il territorio, come a Teramo, dove inoltre da mesi sono migliaia le persone sfollate e sgomberate. Per queste e altre ragioni abbiamo deciso di scendere in piazza”. Il consigliere comunale dell’Aquila ha ricordato come il capoluogo sia “esemplare nell’incapacità di prevedere emergenze”. Un’attivista di Teramo, Valentina, ha detto che “l’emergenza incredibile che si è verificata a gennaio ha dimostrato l’incapacità di far fronte ad emergenze che pure dovrebbero essere prevedibili, è l’ulteriore prova che c’è un abbandono degli spazi pubblici e che è dimenticata la cultura della prevenzione”.