Home SPETTACOLO Pubblicato il bando della decima edizione Premio Letterario Città di Martinsicuro

Pubblicato il bando della decima edizione Premio Letterario Città di Martinsicuro

Pubblicato il bando della decima edizione Premio Letterario Città di Martinsicuro
0
0

La X edizione avrà come presidente onorario Alessandro Quasimodo.  Il bando scade il 16  aprile

MARTINSICURO Compie dieci anni il premio letterario Città di Martinsicuro, organizzato dal Comune di Martinsicuro e dalla Di Felice Edizioni, e patrocinato dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, dalla Regione Abruzzo, dalla Provincia di Teramo, dalla Fondation Club du Livre au Maroc, dall’Ambasciata palestinese a Roma, dall’Associazione Editori Abruzzesi.

La X edizione avrà come presidente onorario Alessandro Quasimodo, autore, attore e regista teatrale, figlio del premio nobel per la letteratura Salvatore Quasimodo e della danzatrice e poetessa Maria Cumani. Il bando scade il 16  aprile e prevede quattro sezioni: poesia in verso libero, poesia in metrica, poesia in vernacolo, poesia tradotta (dalla lingua inglese, francese, arabo, tedesco, spagnolo, olandese, russo).

La giuria è presieduta da Valeria Di Felice (presidente esecutivo senza diritto di voto), ed è composta da: Fulvia Marconi (poetessa e critico letterario), Anacleta Camaioni (scrittrice e psicoterapeuta), Ivana Tamoni (poetessa e traduttrice), Vittorio Verducci (poeta e critico letterario), Elisa Ippoliti (bibliotecaria).

Il premio collabora con i seguenti organismi ospiti: Associazione Magnificat, Premio Energia per la vita e Associazione Il Faro.

Per il bando completo: www.premiomartinsicuro.it

Il vicesindaco e assessore alla cultura Giuseppina Camaioni: «Con la decima edizione si raggiunge un traguardo importante. Siamo onorati di avere come presidente onorario Alessandro Quasimodo e il patrocinio anche di prestigiose realtà culturali non italiane, a testimoniare la volontà di allargare i nostri orizzonti e di far incontrare la poesia italiana con quella straniera all’insegna del dialogo e del confronto.»