Mar. Ott 15th, 2019

Partecipazione attiva del Liceo “G.D’Annunzio” alle Giornate di Primavera del Fai

Partecipazione del liceo “G.D’Annunzio” alle Giornate di Primavera del Fai

Il Liceo “G.D’Annunzio”  ha partecipato attivamente all’ organizzazione delle giornate, attraverso la realizzazione di un video che mostra  i sei siti oggetto delle Giornate di Primavera a Corropoli

CORROPOLI Dal 23 al 25 marzo prossimo, la Delegazione FAI di Teramo in collaborazione con il Comune di Corropoli ha organizzato le Giornate FAI di Primavera, nell’ ambito del noto evento nazionale di raccolta pubblica di fondi che vedrà in tutto il Paese l’apertura di più di mille siti e luoghi che testimoniano la vastità e l’importanza del patrimonio artistico e culturale italiano.

Il Liceo “G.D’Annunzio” di Corropoli ha partecipato attivamente all’ organizzazione delle giornate, attraverso la realizzazione di un video che mostra, grazie alle riprese effettuate con uno dei droni utilizzati a scopo didattico nell’istituto, i sei siti oggetto delle Giornate di Primavera a Corropoli: il video sarà commentato il 24 e 25 marzo al Cine Teatro Italia da alcuni degli studenti del “D’Annunzio” che hanno anche disegnato con inchiostro a china alcuni dei particolari della Badia di Mejulano: Alessandro Mergola, Sara Cicolini, Jacopo Balducci ed Andrea Persiani.

Gli studenti che saranno “Apprendisti Ciceroni” dei due siti direttamente collegati alla storia della loro scuola, la Badia di Mejulano (solo esterno) e l’area archeologica di Ripoli, sono Azzurra Peracchia, Aurora Ottavianelli, Piergiuseppe Di Eleuterio, Massimiliano Pellegrino, Maria Elena Vagnozzi, Gae D’Annuntiis, Daniele Rapini e Stefano Capoferri.

“Ci siamo sentiti subito parte integrante di queste Giornate di Primavera del FAI – ha dichiarato la Preside del Liceo Scientifico-Aeronautico “G.D’Annunzio” di Corropoli Nilde Maloni – perché la nostra sede attuale è nel cuore di un’area che ha dato vita a quella che è conosciuta come “cultura di Ripoli”, data la quantità di oggetti in pietra e ceramica, ossa e conchiglie ritrovati nel villaggio neolitico, a testimonianza dello sviluppo di un insediamento che è tra i più importanti della preistoria italiana. I ragazzi che hanno scelto per l’alternanza scuola-lavoro di aderire al progetto delle Giornate di Primavera FAI si sono sentiti orgogliosi di far parte di un’iniziativa che tanto valorizza il nostro territorio”.

Please follow and like us: