Dom. Set 20th, 2020

Jacopo Sipari apre il festival internazionale  “Bel Canto” in Siberia con Aida

Jacopo Sipari apre il festival internazionale  “Bel Canto” in Siberia con Aida

Il Festival, che apre i battenti oggi Venerdì 14 febbraio, vedrà il giovane Sipari sul podio per aprire un mese di grandi eventi musicali

 

L’AQUILA Ancora una volta sarà l’Aida di Verdi, capolavoro indiscusso della lirica mondiale, ad accompagnare il direttore d’orchestra abruzzese Jacopo Sipari, fresco vincitore del Premio speciale Golden Opera per la New Generation degli Oscar della lirica come uno dei più promettenti giovani direttori d’orchestra nel firmamento operistico italiano, in questa nuova torunee in Russia, nel cuore della Siberia, per l’inaugurazione del Festival dell’Opera Lirica Internazionale “Bel Canto” in programma in questi giorni al Teatro dell’Opera e del Balletto di Krasnojarsk.

Il Festival, che apre i battenti oggi Venerdì 14 febbraio, vedrà il giovane Sipari sul podio per aprire un mese di grandi eventi musicali: prima Aida, quindi Trovatore (27 febbraio), Madama Butterfly (6 marzo), Un Ballo in Maschera (13 e 14 Marzo).

“Sono davvero lieto di essere stato invitato a dirigere l’apertura di un Festival così prestigioso. Lavorare con queste orchestre offre sempre la possibilità di vivere grandi emozioni. Sono molto legato al popolo russo e mi piace molto la serietà e la passione con cui vivono la musica”.

Krasnoyarsk State Opera and Ballet è l’unico teatro dell’Opera aperto ad est degli Urali nel corso degli ultimi tre decenni.

Edificio costruito nel 1966 dall’architetto vincitore del Premio di Stato dell’URS I. Mikhalev ha ufficialmente aperto le porte nel mese di agosto del 1978 per il 350 ° anniversario di Krasnoyarsk. Prima opera in programma “Il principe Igor” AP Borodin.

Dal 1986 il teatro accoglie il festival internazionale dell’opera intitolato a P. Slovtsov e il concorso lirico internazionale “Giovani Voci”. E’ membro fondatore della compagine di teatri internazionali pan – asiatica.

Il repertorio del teatro è rappresentato quasi dall’intero indice di opera e balletto classico. Tra le migliori produzioni campeggiano: “Evgenij Onegin”, “Madama Butterfly”, “Dama di Picche”, e i balletti “Spartacus”, “Lo Schiaccianoci” e “Romeo e Giulietta”.

E’ uno dei centri culturali più importanti di tutta la Russia.

Aida è un’opera in quattro atti di Giuseppe Verdi, su libretto di Antonio Ghislanzoni, basata su un soggetto originale dell’archeologo francese Auguste Mariette. Isma’il Pascià, Chedivè d’Egitto, commissionò un inno a Verdi per celebrare l’apertura del Canale di Suez (1868) nel 1860, offrendo un compenso di 80.000 franchi, ma Verdi rifiutò, dicendo che non scriveva musica d’occasione. Invece, quando venne l’invito (Mariette mandò uno schema di libretto su un soggetto egiziano a Camille du Locle, direttore dell’Opéra-Comique di Parigi che lo sottopose a Verdi, che trovò la storia valida) a comporre un’opera per l’inaugurazione del nuovo teatro de Il Cairo, Verdi accettò. Il 27 aprile 1870 Mariette scriveva a du Locle: «Ciò che il Viceré vuole è un’opera egiziana esclusivamente storica. Le scene saranno basate su descrizioni storiche, i costumi saranno disegnati avendo i bassorilievi dell’alto Egitto come modello». La prima dell’opera fu ritardata a causa della guerra franco-prussiana, dato che i costumi e le scene erano a Parigi sotto assedio. Il teatro del Cairo s’inaugurò invece con Rigoletto nel 1869. Quando finalmente la prima ebbe luogo ottenne un enorme successo e ancora oggi continua ad essere una delle opere liriche più famose. Verdi raggiunse un effetto sensazionale con l’utilizzo, nella Marcia trionfale, di lunghe trombe, del tipo delle trombe egiziane o delle buccine romane («…com’erano le Trombe nei tempi antichi»), appositamente ricostruite per l’occasione, ma dotate di un unico pistoncino nascosto da un panno a forma di vessillo o gagliardetto.

La prima rappresentazione avvenne quindi al Teatro khediviale dell’Opera del Cairo il 24 dicembre 1871, diretta da Giovanni Bottesini.

Please follow and like us: