Home SPETTACOLO An To, a primavera il primo album “Ridevano tutti di me”
An To, a primavera il primo album “Ridevano tutti di me”

An To, a primavera il primo album “Ridevano tutti di me”

0
0

Esce a primavera il primo album di Antonio Tagliafierro, in arte An To, “RIDEVANO TUTTI DI ME” che comprende 10 tracce autobiografiche.

Dove vivi e come è iniziato il tuo percorso artistico?

Sono nato a Salerno ma vivo a Montesilvano, provincia di Pescara, ormai da 30 anni e questo fa di me un Abruzzese doc. Ho sempre avuto la necessità di scrivere ciò che ho dentro anche per via della mia incapacità di esternare i sentimenti. Ho iniziato a scrivere piccole poesie che poi, nel corso degli anni, si sono trasformate in vere e proprie canzoni. Ho capito che volevo vivere di musica quando incontrai l’oramai amico Gio’ Di Tonno con cui scrissi la mia prima canzone “Ombra di te” dandomi l’input e la spinta giusta per iniziare a farlo sul serio!!! Da lì in poi è stato un susseguirsi di canzoni!

Da Antonio Tagliafierro a An To, come mai?

An To non è altro che il diminutivo del mio vero nome Antonio. Ho preferito chiamarmi cosi perché mi sembrava più musicale…diciamo che era decisamente più artistico rispetto al mio none e cognome (tra l’altro lunghissimi). Facilmente riconoscibile non pensate ?!

Cosa ti ha spinto a scrivere “Ridevano tutti di Me”? Chi è Massi?

Ho scritto questa canzone per l’esigenza che avevo di denunciare questa piaga sociale chiamata bullismo. Sono partito da una mia esperienza personale per poi essere testimone di altre vicende simili alla mia, come quella di Massi, un ragazzo autistico, anche lui vittima di questa forma di violenza psicologica e fisica. Mi sembrava doveroso parlare di questo tema sociale cosi tanto attuale anche attraverso gli occhi e la voce di un ragazzo  come Massi perché fondamentalmente il bullismo attacca sempre i più deboli, chi difficilmente riesce a difendersi!

Quanto è importante far capire ai giovani il delicato tema del bullismo?

È una cosa di vitale importanza! Assieme alla Lebrì production Italy di Clarissa Leone e Massimiliano Britti (casa di produzione di Nocciano che ha prodotto il video) porteremo il progetto nelle scuole per sensibilizzare i ragazzi a non commettere più tali violenze e per infondere coraggio cercando di far capire loro che la cosa più giusta da fare è parlarne e non chiudersi in se stessi.

Quali sono i tuoi prossimi progetti?

Oltre a portare il progetto nelle scuole e nei vari eventi di campagna contro il bullismo, In primavera uscirà il mio primo album che prende appunto il titolo “RIDEVANO TUTTI DI ME” che comprende 10 tracce autobiografiche con cui mi racconto e descrivo quello che realmente sono!