Mer. Dic 2nd, 2020

Al via a Giulianova il 18° Festival Internazionale delle Bande Musicali

20 gruppi provenienti da Messico, Francia, Repubblica Ceca, Polonia, Bulgaria, Croazia e naturalmente Italia

TERAMO Si è tenuta oggi, 25 maggio, nella Sala consiliare del Comune di Giulianova la conferenza stampa di presentazione del 18° Festival Internazionale delle Bande Musicali che si terrà in città dal 31 maggio al 4 giugno.  Oltre al sindaco Francesco Mastromauro, alla vice Nausicaa Cameli e all’assessore al Turismo Gian Luca Grimi, erano presenti Giancarlo Zappacosta, direttore del Dipartimento Turismo della Regione Abruzzo, Claudio Ucci, direttore della DMC Hadriatica, Gianmarco Giovannelli, presidente della stessa DMC Hadriatica, e gli organizzatori con il presidente dell’associazione “P. Candido Donatelli” Mario Orsini.

Venti Bande provenienti da sei nazioni daranno vita alla 18° edizione del Festival Internazionale di Bande Musicali. Il grande palcoscenico naturale, a pochi passi dal mare Adriatico, accoglierà gruppi provenienti da Messico, Francia, Repubblica Ceca, Polonia, Bulgaria, Croazia e naturalmente Italia.

La manifestazione è promossa dall’associazione culturale “Padre Candido Donatelli” si avvale del patrocinio dell’ANBIMA, l’associazione Nazionale di Bande Italiane Autonome e quest’anno è tra i grandi eventi di Abruzzo Openday Summer della Regione.

Il Festival offre al grande pubblico la possibilità di incontrare e conoscere le tante realtà culturali che in ogni angolo del mondo si dedicano a mantenere viva la tradizione della musica per banda.  

Durante le cinque giornate del Festival si potrà assistere a parate, caroselli, sfilate, concerti e  tanto divertimento.  Grazie alla presenta di tanti gruppi internazionali Giulianova diventa crocevia di una tradizione che affonda le proprie radici nella cultura più vera dei popoli.

Il magico Belvedere, la storica Piazza Buozzi e le suggestive vie di Giulianova Paese, si riempiranno delle armonie dell’est, e delle sonorità del Sud America, fino ad assaporare la festosa atmosfera del Bel Paese con le parate sonore proposte da compositi gruppi di ottoni che arrivano da ogni angolo d’Italia.

“È un’iniziativa meravigliosa – ha dichiarato il sindaco – che si deve all’infaticabile e non facile opera dell’associazione Padre Candido Donatelli che ringrazio a nome dell’intera comunità. Un progetto di grande spessore culturale e che offre la migliore immagine del nostro territorio facendo echeggiare il nome di Giulianova e dell’Abruzzo intero in ogni angolo del mondo con intuibili rivolti positivi per il turismo. Oggi più che mai necessari. Evidente come la qualità paghi”.

“Anche quest’anno abbiamo raggiunto un numero record di gruppi – commenta soddisfatto il presidente Orsini – e per questo desidero ringraziare tutti i miei collaboratori, il direttore organizzativo Francesco Rastelli, il coordinatore della giuria Willy Barlafante, il responsabile dei rapporti con le istituzioni Michele Maruccia, la segretaria Laura Orsini, la responsabile dei gruppi stranieri Giuliana Saba e il referente delle bande polacche Corrado Durante”.

“La nostra manifestazione offre ai gruppi uno splendido palcoscenico, una giuria qualificata e prestigiosa – dice il vicepresidente dell’associazione Gianni Tancredi – “e negli anni è diventato un appuntamento di richiamo, tanto che i gruppi che partecipano mettono la tappa di Giulianova sul curriculum e per noi questo è motivo di orgoglio. “L’evento – fa eco Michele Maruccia – è entrato nel circuito delle manifestazioni Internazionali dedicate alle Bande e rappresenta un appuntamento di grande spessore culturale perché contribuisce a divulgare ad un vasto pubblico generi di musica per banda molto diversi tra di loro”.

Please follow and like us: