Home POLITICA Roseto, pista ciclabile non collaudata e non sicura: la denuncia di Azione Politica

Roseto, pista ciclabile non collaudata e non sicura: la denuncia di Azione Politica

0
0
Roseto, pista ciclabile non collaudata e non sicura: la denuncia di Azione Politica.

L’amministrazione comunale, dopo aver ottenuto varie proroghe, entro il 31 dicembre scorso avrebbe dovuto presentare il rendiconto sull’opera pubblica

ROSETO “La befana tutte le feste porta via, ma a Roseto ha lasciato una pista ciclabile non collaudata e non sicura”. Andrea Di Stanislao, referente del circolo Azione Politica di Roseto, torna sulla questione pista ciclabile in città che presenta una serie di punti interrogativi sia in termini di sicurezza, sia per ciò che riguarda la sua stessa realizzazione. “Manca il collaudo”, sottolinea Di Stanislao, “e non si conosce ancora la rendicontazione relativa all’opera. L’amministrazione comunale, dopo aver ottenuto varie proroghe, entro il 31 dicembre scorso avrebbe dovuto presentare il rendiconto sull’opera pubblica, pena il mancato finanziamento della stessa. Ma non si hanno notizie né della rendicontazione, né dell’avvenuto collaudo. Anche perché secondo noi solo dei pazzi collauderebbero un’opera così pericolosa, totalmente priva di sicurezza per i ciclisti, e che presenta una serie di barriere architettoniche che impediscono la fruizione ai diversamente abili su gran parte del tracciato, specie nel tratto sud di Roseto e nel tratto di Cologna Spiaggia.

Proprio a Cologna c’è stata la totale cancellazione dei parcheggi su un ampio tratto di lungomare, realizzando alcuni parcheggi per i disabili totalmente inaccessibili e poco sicuri di cui ci siamo già occupati in passato. L’amministrazione pubblicamente aveva dichiarato che avrebbe trovato una soluzione proponendo delle modifiche dopo averle condivise coi coi cittadini. Ma ad oggi la situazione è di fatto la stessa dell’estate scorsa. E’ inutile che tra 10 giorni faranno delle riunioni pre-elettorali per fare bella figura e buttare di nuovo fumo negli occhi. Questo è un modo di fare politica che non ci piace, e non ci appartiene. Abbiamo dimostrato, da quando il circolo è stato costituito, coerenza, di essere sempre presenti sul territorio per evidenziare le problematiche della città. E saremo sempre pronti a battagliare là dove sarà necessario.”