Home NEWS Inaugurato un nuovo centro di raccolta a Mosciano sant’angelo
Inaugurato un nuovo centro di raccolta a Mosciano sant’angelo

Inaugurato un nuovo centro di raccolta a Mosciano sant’angelo

0
0

Presso il centro di raccolta comunale sarà possibile conferire differenti tipologie di rifiuto, dalla carta alla plastica, dalle potature e sfalci fino ai rifiuti ingombranti

MOSCIANO Inaugurato il centro di raccolta comunale a Mosciano Sant’Angelo. Ubicato nella zona artigianale di Ripoli e realizzato, come da contratto di appalto, dalla Diodoro Ecologia, il centro rappresenta un ulteriore passo in avanti nella differenziazione dei rifiuti nel territorio moscianese.

L’inaugurazione, svoltasi sabato alla presenza di cittadini e amministratori comunali, è stata anche l’occasione per fare il punto sullo stato dell’arte dell’opera.

“Si tratta di un grande risultato raggiunto mediante un lavoro lungo e attento, fatto sia per individuare il miglior sito possibile, sia con i residenti del luogo con i quali già da tempo si è colloquiato per condividere la decisione di realizzare il centro di raccolta in zona artigianale” commentano il sindaco Giuliano Galiffi e l’assessore all’ambiente Luca Lattanzi.

“Visto l’approssimarsi della tornata elettorale, come amministrazione abbiamo deciso di lasciare alla prossima giunta comunale la decisione di regolamentare gli orari di apertura del centro di raccolta: in questa settimana, la ditta avrà la possibilità di testare al meglio la struttura e definire le eventuali criticità” concludono i due amministratori comunali che hanno lavorato a stretto contatto con la ditta al fine di poter realizzare l’opera il prima possibile, garantendo pertanto un servizio migliore alla cittadinanza.

Presso il centro di raccolta comunale sarà possibile conferire differenti tipologie di rifiuto, dalla carta alla plastica, dalle potature e sfalci fino ai rifiuti ingombranti come mobili ed elettrodomestici. L’opera è costata circa 250.000 euro, come da bando di appalto, ed è stata realizzata sia attraverso la quota parte accantonata nella Tari che mediante finanziamenti regionali erogati proprio per tale progetto.