Home LIFESTYLE Street art, “Un mare di amore” sulla parete della scuola Berardinucci

Street art, “Un mare di amore” sulla parete della scuola Berardinucci

0
0
Street art, “Un mare di amore” sulla parete della scuola Berardinucci

Inaugurato il murales realizzato gratuitamente dall’artista montesilvanese Pera con la I che parla di bullismo e integrazione

MONTESILVANO «Lettere di alfabeti diversi, che formano la parola Amore, giocano insieme. Una di loro, (la R), viene esclusa e piange. In suo soccorso arriva la “E”, che in realtà è una marionetta, manovrata da un bimbo che dall’alto si affaccia e osserva questa coloratissima realtà alternativa». Così questa mattina Piera Mattioli, in arte Pera con la I, artista montesilvanese, ha spiegato agli alunni della scuola M. Berardinucci di via Lazio il senso dell’opera che ha realizzato, gratuitamente, su una delle pareti dell’edificio scolastico.

Alla cerimonia di inaugurazione erano presenti il sindaco Francesco Maragno, il presidente della Commissione Cultura, Alessandro Pompei, il consigliere comunale Pietro Gabriele, oltre agli alunni della scuola, alle loro maestre e al dirigente scolastico Roberto Chiavaroli.

«Quest’opera  –  ha spiegato ancora l’artista –  vuole essere un messaggio contro il bullismo e per riflettere sull’importanza dell’integrazione e dei sentimenti di amore e amicizia».

Entusiasti i bambini che in questi giorni hanno seguito, passo dopo passo, la realizzazione del murales e che questa mattina hanno suggerito una lunga serie di titoli all’artista che ne ha poi scelto uno: “un mare d’amore”.

«Voglio ringraziare Piera Mattioli, l’artista, sia per aver voluto donare gratuitamente a Montesilvano questa bella opera, sia per il messaggio significativo che ha comunicato: saper accettare il diverso, cogliendone gli aspetti positivi – ha commentato il primo cittadino, Maragno-. Per tanti anni Montesilvano  ha dimenticato di investire in cultura. Attraverso la street art, che è sicuramente tra le arti una delle più spontanee, stiamo cercando proprio di valorizzare il territorio».

«Negli ultimi decenni –  ha aggiunto Pompei  – Montesilvano ha vissuto un enorme sviluppo urbanistico, spesso incontrollato, che tuttavia non è stato accompagnato da una necessaria crescita artistica e culturale. Il nostro impegno è proprio quello di far diventare la città più bella, a misura d’uomo, vogliamo dare colore a questa città convinti che oltre a risultare più piacevole viverci, sarà anche più appetibile e spendibile da un punto di vista turistico: come disse Dostoevski “La bellezza salverà il mondo”».

Il dirigente scolastico Chiavaroli ha sottolineato come questa opera sia «bellissima per la scuola e per tutto il quartiere».

L’artista:

Designer di servizi, Piera Mattioli, che ha origini italo – argentine, ha cominciato a realizzare opere di street art in America Latina, tra il Perù, l’Ecuador, la Colombia e l’Argentina dove ha vissuto per due anni. La parete di Montesilvano è la prima opera tutta italiana.

Le proposte dei titoli presentate dagli alunni della terza A e della quinta A:

Un mare d’amore (vincitrice); onde d’amore; proteggiamo l’amore; l’amore in un sorriso; inno all’amore; la forza del sorriso; difendiamo l’amore; contro il bullismo; la parola animata; la R triste e la E arrabbiata; un murales fantastico; non respingere; il mare delle lettere; le lettere arrabbiate; l’amore è unico nella scuola; il parco delle lettere; il muro di lettere;  il mare delle lettere; amore per sempre; un murales d’amicizia; un muro colorato; la povera R.