Home ECONOMIA Resto al sud, incentivi per gli under 36 per sostenere l’imprenditoria giovanile
Resto al sud, incentivi per gli under 36 per sostenere l’imprenditoria giovanile

Resto al sud, incentivi per gli under 36 per sostenere l’imprenditoria giovanile

0
0

Avviso sulla misura volta a sostenere l’imprenditoria giovanile delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia attraverso il finanziamento di nuovi progetti imprenditoriali

L’AQUILA  “Resto al Sud” è la misura promossa dal Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno ed Invitalia(soggetto gestore), volta a sostenere l’imprenditoria giovanile delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia attraverso il finanziamento di nuovi progetti imprenditoriali.

 Settori interessati – le attività interessate dal finanziamento dovranno riguardare:
– la produzione di beni nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura
– la fornitura di servizi alle imprese e alle persone
– il turismo
Sono escluse dal finanziamento le attività libero professionali e il commercio.

A chi è rivolto – I soggetti interessati dalla misura dovranno avere le seguenti caratteristiche:
– giovani di età compresa tra i 18 e 35 anni
– residenti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia al momento della presentazione della domanda.
– senza rapporto di lavoro a tempo indeterminato per tutta la durata del finanziamento
– non devono essere titolari di altra attività di impresa attiva
– non devono aver avuto altre agevolazioni nazionali per l’autoimprenditorialità nel corso degli ultimi tre anni
Chi può presentare la domanda –  Le società, anche cooperative, le ditte individuali costituite successivamente alla data del 21 giugno 2017, o i team di persone che si costituiscono entro 60 giorni (120 se residenti all’estero) dopo l’esito positivo dell’istruttoria.
Ogni soggetto può ricevere un finanziamento massimo di 50 mila euro.

Cosa finanzia –  La misura rivolge il contributo a :
– Interventi di ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili – massimo 30% del programma di spesa
– acquisto di macchinari, impianti e attrezzature nuovi
– acquisto di programmi informatici e servizi per le tecnologie, l’informazione e la telecomunicazione (TIC)
–  altre spese utili all’avvio dell’attività (materie prime, materiali di consumo, utenze e canoni di locazione, canoni di leasing, garanzie assicurative) – massimo 20% del programma di spesa.
Non sono ammissibili le spese di progettazione, le consulenze e quelle relative al costo del personale dipendente.

Forma del contributo – Le agevolazioni consistono in un finanziamento a copertura del 100% delle spese, suddiviso in:
– un contributo a fondo perduto fino al 35% del programma di spesa
– un finanziamento bancario, del 65%, concesso da un istituto di credito aderente alla convenzione tra Invitalia e ABI, garantito dal Fondo di garanzia per le PMI che dovrà essere restituito nell’arco di 8 anni ed avrà un contributo in conto interessi che copre integralmente gli interessi del finanziamento.

Modalità di partecipazione – Le domande si presentano esclusivamente online sul sito www.invitalia.it dal 15 gennaio 2018.E’ necessario registrarsi sulla piattaforma dedicata, disporre di una firma digitale e di un indirizzo di posta certificata (PEC). La domanda è costituita dal progetto imprenditoriale da compilare online e dalla documentazione da allegare, con la modulistica presente sul sito.
Resto al Sud è un incentivo a «sportello», pertanto le domande vengono esaminate senza graduatorie in base all’ordine cronologico di arrivo ed entro 60 giorni dalla data di presentazione.