Home ECONOMIA Ospedale San Pio di Vasto, presto un un laboratorio di radiologia interventistica
Ospedale San Pio di Vasto, presto un un laboratorio di radiologia interventistica

Ospedale San Pio di Vasto, presto un un laboratorio di radiologia interventistica

0
0

Un passo in avanti per l’attivazione, all’ospedale San Pio di Vasto, di un laboratorio di radiologia interventistica, angiografia ed emodinamica.

VASTO La giunta regionale, su proposta dell’assessore alla programmazione sanitaria Silvio Paolucci, ha infatti approvato la costituzione di una commissione che dovrà procedere alla realizzazione di tutti i presupposti per l’apertura della struttura nel nosocomio.

Dell’organismo fanno parte il direttore generale della Asl Lanciano-Vasto-Chieti Pasquale Flacco; i dirigenti medici Nicola Maddestra, Corradino Panerai, Vincenzo Di Egidio, Vincenzo Cerasa, Cosimo Napoletano; Ugo Aloè, in rappresentanza del gruppo promotore della petizione per l’emodinamica a Vasto. I membri della commissione svolgeranno il loro compito a titolo gratuito, salvo il rimborso delle eventuali spese sostenute.

“Nel decreto commissariale sul riordino della rete ospedaliera regionale (il n.79/2016, ndr) – spiega Paolucci – il nosocomio di Vasto è stato indicato come Dea di primo livello, con funzione di spoke per le reti tempo-dipendenti (infarto, politrauma e ictus) e le patologie complesse. Di qui la decisione di procedere alla costituzione della commissione, che lavorerà in collaborazione con le strutture del Dipartimento regionale per la salute e il welfare. Il piano di riorganizzazione degli ospedali abruzzesi non è uno strumento rigido, ma prevede dei meccanismi per adattarsi ad eventuali nuovi bisogni assistenziali che dovessero emergere nei tavoli di monitoraggio del sistema sanitario regionale. Non c’è nessuna preclusione da parte di questa amministrazione regionale ad attivare nuovi servizi, a patto che rispettino gli standard assistenziali per quanto riguarda appropriatezza ed esiti, oltre a non pregiudicare l’efficienza complessiva della rete assistenziale”.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *