Home ECONOMIA Edilizia scolastica: finanziate le scuole di Guardiagrele e San Martino sulla Marrucina
Edilizia scolastica: finanziate le scuole di Guardiagrele e San Martino sulla Marrucina

Edilizia scolastica: finanziate le scuole di Guardiagrele e San Martino sulla Marrucina

0
0

Quasi tre milioni di euro per l’adeguamento sismico.

CHIETI “Con apposito atto approvato oggi in giunta regionale viene deliberato di ammettere a finanziamento 2.658.180 di euro che andranno a finanziare la costruzione del nuovo complesso e adeguamento sismico della Scuola dell’infanzia e secondaria di secondo grado di Guardiagrele e la scuola primaria di San Martino sulla Marrucina”. A renderlo noto sono gli assessori Mauro Febbo e Guido Liris a margine della giunta regionale che sottolineano quanto segue: “L’amministrazione regionale, in linea con le direttive nazionali finalizzate alla sicurezza degli edifici scolastici attraverso fondi di Protezione Civile, si è posta l’obiettivo di promuovere sul territorio la messa in sicurezza del patrimonio edilizio scolastico, con una assoluta preminenza dal rischio sismico, attraverso interventi in grado di restituire edifici scolastici sismicamente adeguati. Pertanto – specificano Febbo e Liris – visto i criteri stabiliti dal MIUR con cui è stata approvata la graduatoria regionale in materia di edilizia scolastica con valenza triennale, sono stati individuati ammissibili gli interventi inerenti il Comune di Guardiagrele per lavori di adeguamento sismico e nuova realizzazione del complesso ‘Cappuccini’ con un  finanziamento paria a 1.877..280 ed il Comune di San Martino sulla Marrucina per intervento di adeguamento sismico alla Scuola primaria ‘Tito Livio De Sanctis’ per un importo paria a 780.900 euro.  La sicurezza delle nostre scuole – concludono Febbo e Liris – è una priorità fondamentale di questa amministrazione regionale e al Ministero dell’istruzione, Università e Ricerca (MIUR) chiederemo di portare avanti una programmazione serie e credibile, capace di finanziare e mettere in sicurezza gli edifici scolastici con particolare attenzione alle aree a rischio sismico più elevato”