Home ECONOMIA Area crisi complessa Vibrata-Tronto, al via gli incentivi. Domande dal 25 ottobre

Area crisi complessa Vibrata-Tronto, al via gli incentivi. Domande dal 25 ottobre

Area crisi complessa Vibrata-Tronto, al via gli incentivi. Domande dal 25 ottobre
0
0

Il 21 settembre 2017 il Ministero dello Sviluppo Economico ha attivato gli incentivi della Legge 181 nell’area di crisi Val Vibrata –Valle del Tronto Piceno (guarda l’Avviso).

VAL VIBRATA I 32 milioni di euro a disposizione delle imprese puntano a favorire gli investimenti e a rafforzare il tessuto produttivo.

Domande

Le domande di finanziamento possono essere presentate a Invitalia dalle 12.00 del 25 ottobre 2017 alle 12.00 del 24 novembre 2017. Le imprese possono usufruire di un accompagnamento ad hoc per la predisposizione della domanda.

Settori ammissibili

Sono ammissibili alle agevolazioni le iniziative che prevedono:

  • la realizzazione di programmi di investimento produttivo e/o programmi di investimento per la tutela ambientale, eventualmente completati da progetti per l’innovazione dell’organizzazione, con spese ammissibili non inferiori a 1,5 milioni di euro;
  • un incremento degli addetti dell’unità produttiva oggetto del programma di investimento

Agevolazioni

Le agevolazioni sono concesse nella forma del contributo in conto impianti, dell’eventuale contributo diretto alla spesa e del finanziamento agevolato, entro i limiti previsti dal regolamento (UE) n. 651/2014 (“Regolamento GBER”). In particolare, il finanziamento agevolato concedibile è pari al 50% degli investimenti ammissibili. Il contributo in conto impianti e l’eventuale contributo diretto alla spesa sono complessivamente di importo non inferiore al 3% della spesa ammissibile.

Valutazione

L’iter prevede tre fasi:

  • verifica dei requisiti per l’accesso alle agevolazioni;
  • definizione di una specifica graduatoria, sulla base di un parametro riferito all’incremento del numero di addetti previsto;
  • valutazione delle domande – secondo l’ordine della graduatoria e fino all’esaurimento dei fondi disponibili – sulla base di specifici criteri di merito individuati dal D.M. 9 giugno 2015