Ven. Nov 22nd, 2019

Abruzzo dal vivo winter: “pronti a liquidare. Ritardi accumulati da altri”

Montagna Teramana, Febbo: “Pepe tenta di difende l’indifendibile”

 “Sono meravigliato circa alcune affermazioni gratuite ed  errate di esponenti del Partito Democratico circa la necessità di una Polizza fideiussoria”

 

PESCARA “Il bando e la liquidazione delle anticipazioni risalgono a novembre e dicembre 2018 e gennaio 2019 quando c’era un altro governo regionale e altri assessori, del Partito Democratico & C. , e mi risulta che nessuno ha fatto e mosso niente quando invece potevano benissimo farlo”. Questo il commento dell’assessore regionale alle Attività Produttive e Turismo Mauro Febbo che precisa quanto segue: “Il sottoscritto da aprile si è attivato per quanto di sua competenza per risolvere le criticità riscontrate e lasciate dall’assessore D’Ignazio peraltro correlate   alle problematiche relative alla contabilità regionale e al riallineamento delle somme. Infatti da giugno ho fatto predisporre alla mia struttura regionale una variazione di bilancio approvata ad agosto ed una richiesta di iscrizione di ulteriori economie vincolate approvate a fine settembre. Nello specifico si è provveduto a ratificare la determina di liquidazione dell’anticipazione al Comune di Crognaleto (Te) (Capofila per tutti gli eventi realizzati dai 23 Comuni del Cratere) e per il pagamento delle anticipazioni ai tre beneficiari su 8 che hanno presentato regolare polizza fideiussoria. Pertanto – spiega Febbo –  sono meravigliato circa alcune affermazioni gratuite ed  errate di esponenti del Partito Democratico circa la necessità di una Polizza fideiussoria, tra l’altro già prevista e stabilita con Delibera n. 714 del 28/9/2018  quindi approvata dalla Giunta precedente. Preciso come – conclude Febbo – il sottoscritto è già al lavoro con gli uffici competenti per arrivare ad una possibile soluzione amministrativa che superi l’aspetto della Polizza, che non è tra l’altro il problema principale per la liquidazione perché la principale criticità era contabile, lasciata da altri come detto dal mio predecessore D’Ignazio, e l’abbiamo già risolta. Ad ogni buon conto – conclude Febbo – la struttura competente è pronta, sulla base delle possibili soluzione allo studio, di liquidare le anticipazioni (ma anche l’intero contributo) dovute ai Comuni beneficiari ovviamente solo dopo la loro regolare presentazione delle rendicontazioni”

Please follow and like us: