Gio. Gen 21st, 2021

Specializzazione di enotecnico all’istituto agrario Rozzi di Teramo

L’Assessore Pepe “ Dobbiamo sostenere in ogni modo le opportunità didattiche volte a professionalizzare i giovani agricoltori”

Accolgo con immenso piacere la notizia dell’attivazione, presso l’Istituto agrario Rozzi di Teramo, di questa nuova proposta didattica che prevede, al termine del ciclo formativo di 5 anni,  un ulteriore sesto anno per ottenere la specializzazione di enotecnico da parte dei diplomati degli istituti tecnici del settore tecnologico ad indirizzo “agraria, agroalimentare e agroindustria” articolazione “Viticoltura e enologia”.

Oltre alla validità della proposta formativa, ad oggi  attuabile presso gli Istituti agrari di Teramo, di Avezzano e di Scerni, mi preme sottolineare la rilevanza del messaggio che viene lanciato ai giovani studenti degli Istituti agrari che è quello di puntare sulla preparazione e sulla professionalizzazione.

Un messaggio che ho l’onore già di sperimentare nei mesi scorsi aprendo le porte della Regione  con l’attivazione del  progetto denominato “Agristage”, una iniziativa realizzata in collaborazione con le scuole di indirizzo agrario presenti nella regione con l’obiettivo di integrare le conoscenze degli studenti, soprattutto delle ultime classi, facendo conoscere le competenze gestionali in materia di agricoltura.

Uffici della Regione Abruzzo aperti ai futuri tecnici chiamati a gestire il comparto agricolo con la dimostrazione degli  aspetti amministrativi e tecnici che regolano gli aiuti comunitari, dalla programmazione degli interventi alla loro attuazione nelle imprese agricole abruzzesi.

Per quanto concerne la specializzazione  di enotecnico, mi sembra di particolare rilevanza, alla luce della ripresa del mercato interno del vino in Italia, con la ricerca  da parte dei consumatori, sempre più,  di  vino di qualità (come emerso dalla ricerca IRI per il prossimo Vinitaly) e con la conferma del Montepulciano D’Abruzzo sul podio dei vini più venduti in Italia.

Please follow and like us: