Home CRONACA Occupazione abusiva in viale Europa, murati gli ingressi di un appartamento
Occupazione abusiva in viale Europa, murati gli ingressi di un appartamento

Occupazione abusiva in viale Europa, murati gli ingressi di un appartamento

0
0

L’appartamento di viale Europa 37, che era stato occupato abusivamente e sgomberato dai carabinieri lunedì scorso, è stato messo in sicurezza.

MONTESILVANO Questa mattina alla presenza del vicesindaco Ottavio De Martinis, gli operai di una ditta specializzata intervenuti su richiesta dell’Ater (Azienda territoriale per l’edilizia residenziale) hanno provveduto a murare gli ingressi. L’alloggio è stato abitato per anni dal legittimo assegnatario: un nucleo familiare composto da una signora di 96 anni e il figlio che, a causa di problemi di salute, si sono trasferiti a Ortona. Nel momento in cui le stanze sono state liberate da tutta la mobilia e gli assegnatari si apprestavano a consegnare le chiavi all’Ater, ci sono stati due tentativi di occupazione che sono stati sventati dai carabinieri di Montesilvano. Questa mattina è intervenuto l’Ater, con la supervisione dell’architetto Rosanna Di Nicolantonio, che ha provveduto a mettere in sicurezza e a murare gli ingressi dell’appartamento, che necessita, comunque, di alcuni lavori. Appena, l’Azienda territoriale per l’edilizia residenziale lo metterà di nuovo a disposizione il Comune provvederà a una nuova assegnazione.

«E’ stata scongiurata l’occupazione e, soprattutto, la possibilità di ulteriori ingressi irregolari», sottolinea De Martinis, «Ringraziamo, come sempre, il tempestivo intervento delle forze dell’ordine, e in particolare dei carabinieri di Montesilvano, continuiamo a vigilare affinché le graduatorie degli assegnatari vengano rigorosamente rispettate. Seguendo quella che è la linea della giunta Maragno, abbiamo sempre a cuore il rispetto della legalità e la difesa dei diritti dei cittadini. Per quanto riguarda l’appartamento di viale Europa, i militari dell’Arma continueranno a tenere sotto controllo la palazzina».