Home CRONACA Maltrattamenti in famiglia, polizia allontana uomo violento
Maltrattamenti in famiglia, polizia allontana uomo violento

Maltrattamenti in famiglia, polizia allontana uomo violento

0
0

Aggredito per l’ennesima volta dal  fratello convivente il quale  gli aveva cagionato, a causa dei pugni ricevuti, il distacco della retina.

CHIETI Nella giornata di ieri personale della II^ sezione della Squadra Mobile ha dato esecuzione alla misura dell’Allontanamento dalla casa familiare disposta dal GIP presso il Tribunale di Chieti Dr. De Ninis, a carico di un cinquantenne teatino resosi responsabile di maltrattamenti e lesioni personali commesse in danno del proprio fratello.

Nei primi giorni di ottobre si era presentato, presso il Posto Fisso di Polizia dell’Ospedale SS. Annunziata di Chieti, un uomo di quarantacinque anni che aveva riferito all’operatore di Polizia di essere stato aggredito per l’ennesima volta dal proprio fratello convivente il quale, in quest’ultima circostanza, gli aveva cagionato, a causa dei pugni ricevuti, il distacco della retina.

Al fine di chiarire la dinamica degli eventi, venivano svolte accurate indagini volte a verificare i presunti maltrattamenti subiti dalla persona offesa che permettevano di ricostruire con puntualità i gravi e frequenti episodi di violenza subiti, nel corso dell’ultimo anno.

Gli investigatori hanno appurato che addirittura in una circostanza la vittima non si è potuta neppure sottoporre ad una delle visite periodiche prescritte dalla ASL, poiché era stato picchiato dal fratello e presentava degli ematomi in viso talmente vistosi da renderlo impresentabile.

Oppure, in altre circostanze, la parte offesa veniva costretta, su ordine del fratello, ad uscire anche più volte di casa in orario notturno, per recarsi ad acquistare alcolici, oppure obbligata a pulire l’abitazione in piena notte ed in caso di diniego veniva brutalmente percossa.

Alla luce della ricostruzione fatta, considerati i gravi delitti commessi, nonché il pericolo di reiterazione di reati analoghi, è stata disposta la misura dell’allontanamento dalla casa familiare con divieto di avvicinarsi alla persona offesa.